Lettera aperta alla Rai contro le narrazioni tossiche

Adesioni aperte, è ora di agire! Per aderire scrivere a segreterialys@gmail.com

Nella puntata del programma Storie maledette di domenica 14 giugno Franca Leosini, ha intervistato Sonia B. che sconta una pena presso il carcere di Bologna. Non vogliamo entrare nel merito del caso giudiziario, ma riteniamo importante porre l’attenzione sulle domande che la conduttrice rivolge alla donna che poco prima ha dichiarato di subire pesanti violenze del marito.
Franca Leosini afferma:
“Un quoziente di responsabilità ce l’ha anche lei Sonia, come tutte le donne che al primo schiaffone non mollano l’uomo che si è permesso di darglielo… Perché lei non l’ha mollato?”
In un attimo la giornalista, di solito attenta a non dettare nuove sentenze, vira verso un giudizio e ne lascia scivolare molti altri.
Lei, come tutte responsabile di non essere state svelte a prendere la porta di casa lasciandosi alle spalle tutto.
Lei, come tutte responsabile di non essere state abbastanza coraggiose e subito reattive nel vedere le soluzioni che sembrano così facile da trovare.
Lei, come tutte responsabile di non aver evitato lividi e nasi rotti (che la trasmissione non manca di mostrare in video).
Come donne, operatrici, avvocate, psicologhe e amministratrici coinvolte nella rete di contrasto alla violenza di genere rifiutiamo con forza questa lettura che si alimenta di giudizi a priori contro le donne che vivono la violenza domestica e fomenta le peggiori conclusioni, che con poco diventano senso e opinione comune.
Noi lo diciamo chiaro che una donna, quando vive una violenza, non è responsabile della violenza che subisce, lo è la mano che le si scaglia contro e la voce che le urla addosso. Lo siamo tutte e tutti se non agiamo il ruolo di contrasto, prevenzione e sensibilizzazione che ci compete. Perché la violenza si contrasta se si previene alla radice e quando si sensibilizzano le persone circa le sue forme, non è possibile esimersi da un intervento integrato e complesso. 
Molte donne sono spesso sole nell’inferno senza poter pensare ad altro. Sole in una cultura che legittima la violenza “perché vedrai che tuo marito cambia”, “signora senza referto in ospedale non possiamo fare niente”, “signora torni a casa, ora non abbiamo tempo”, “signora capiamo la situazione, ma non abbiamo un posto dove farla dormire stanotte” ,”lei cosa ha fatto per farlo arrabbiare”. Lo sentiamo dire di continuo nei luoghi che dovrebbero, invece, essere un rifugio sicuro come i presidi socio-sanitari e le stazioni delle forze dell’ordine e non possiamo accettare che la televisione pubblica colpevolizzi una donna che per anni ha sofferto, facendo venir meno le proprie responsabilità nei confronti di un pubblico ampio ed eterogeneo che guarda da casa.
La Rai e altri protagonisti della comunicazioni devono giocare un ruolo nel decostruire lo stereotipo che agisce violenza e nel costruire insieme gli strumenti comuni, senza giudizi e pregiudizi sui vissuti personali troppo dolorosi da sostenere da sole. Per fare questo serve formare i giornalisti e le giornaliste contro gli stereotipi di genere e le narrazioni tossiche che vediamo sfilare su tv e giornali, come ci chiede la Convenzione di Istanbul e il Manifesto di Venezia per il rispetto e la parità di genere nell’informazione.
Tutte vogliamo un servizio pubblico in grado di fare ciò e metterci nelle condizioni di esercitare il diritto a vivere una vita libera dalla violenza.
Prendiamolo come impegno.

Giugno 2020

Promuove la Casa delle donne Lucha y Siesta con
La Casa Internazionale delle Donne, Roma
La Cooperativa Be Free contro tratta e discriminazione, Roma
D.i.Re – Donne in rete contro la violenza
La cooperativa Rel.Azioni Positive, Padova
Associazione Risorse Donna, Sora (FR)
Ass. Ponte donna, Castelli romani
Aps Socialmente donna Labico, Roma
Ass. Prassi e ricerca, Roma
Collettivo Una Volta per tutte
Conferenza donne democratiche della Toscana
S.CO.S.S.E Soluzioni COmunicative, Studi, Servizi Editoriali
Ass. Differenza lesbica, Roma
Collettivo Fuori Genere, L’ Aquila
Non una di meno Reggio Calabria
Associazione “Il cuore di Medea onlus” (RC)
Conferenza delle donne democratiche del Lazio
L’Associazione Safiya Onlus (BA)
Centro Antiviolenza di Polignano a Mare (BA)
L’Associazione “Io Donna”- Centro Antiviolenza di Brindisi
Udi Nazionale
Ass. Giuridicamente Libera
Terni Donne Aps
Centro Antiviolenza L’Albero di Antonia, Orvieto
Associazione Olimpia de Gouges Onlus, Grosseto
Centro Donna L.I.S.A – Associazione Donne in Genere Onlus, Roma
Associazione A.R.PA Raggiungimento parità, Massa
Comunicattive
Assolei sportello donna, Roma
Arcidonna Napoli
Cerchi d’Acqua s.c.a.r.l. – ONLUS Contro la violenza alle donne – Contro la violenza in famiglia
FP CGIL Roma e Lazio
Ass. Culturale Femminilmente
Centro antiviolenza rompi il silenzio, Rimini
Tavolo di genere attrici e attori uniti
Donne contro la violenza – Frauen gegen gewalt
Rete di donne per la politica
Non una di meno Mantova
Donne in rete, Foggia
Associazione Il Cortile, Roma
Coordinamento lesbiche romane
Linea Rosa
Casa delle donne Ravenna
Associazione di promozione sociale Donn.è, Ortona
Casa delle donne per non subire violenza di Bologna
Per le donne, Imola
Non una di meno Cagliari

Singole
Michela Cicculli assessora politiche di genere Municipio Roma VIII
Alessandra Aluigi assessora politiche sociali Municipio Roma VIII
Francesca Vetrugno assessora alla scuole e alla cultura Municipio Roma VIII
Patrizia Ricci assessora ai lavori pubblici Municipio Roma VIII
Sonia Spila consigliera Municipio Roma VIII
Paola Angelucci consigliera Municipio Roma VIII
Fabiana Bernabei consigliera Municipio Roma VIII
Eleonora Talli Pres. Commissione pari opportunità Municipio VIII
Barbara Bonomi Romagnoli, Giornalista e scrittrice
Daniela Pitti, insegnante scuola infanzia e psicologa
Laura Corradi, Researcher Gender Studies and Intersectional Methodology
Giorgia Da Pos, operatrice Centro antiviolenza, Padova
Marcella Pennacchio
Francesca Romana Camarota, insegnante scuola pubblica
Patrizia Fiocchetti, scrittrice
Carla Cantatore, Udi Monteverde
Maria Grazia De Vito
Valentina Mira
Mirta Mattina, psicologa e psicoterapeuta coordina il Network psicologia e salute perinatale Ordine psicologi Lazio
Giada Bonu, dottoranda Scuola Normale Superiore
Federica Giardini, docente filosofia politica Università Roma3
Graziella Priulla, sociologa e saggista Università di Catania
Maria Rosaria Fiore, medica
Rosa Maria Arcuri
Claudia Borgia, fotografa
Maria Sole Monaldi, stud. Psicologa e volontaria Differenza donna
Daniela Barone
Daniela Boffa, psicologa e psicoterapeuta
Loretta Morelli, assessora servizi sociali e pari opportunità Comune di Monte Urano (FM)
Benedetta La Penna, redattrice e speaker radio
Patrizia Germini
Eva Ogliotti, insegnante
Stefania Anarkikka Spanò, vignettista, femminista
Anna Lavizzari, dottoranda Scuola Normale Superiore
Daniela Chironi, ricercatrice Scuola Normale Superiore
Rossella Ciccia, University of Oxford
Valentina Gentili
Reisa Perchta, formatrice, counselor, attivista
Chiara Giglio
Viviana Violo
Maria Sepe
Sabina Gambacciani
Daniele Cristaldi
Franco Argada
Daniela Colombo, economista dello sviluppo
Valeria Cappucci
Cinzia Greco
Barbara Fagiolo
Chiara Centamori
Elisa Stafferini
Veronica Pinto
Maria Cristina Guido
Arianna Vacca
Maria Brighi
Francesca Ciardi
Susanna Mariani
Stefania Prandi, giornalista
Stella Leuzzi
Silvia Cimei
Stefania D’Annunzio
Cecilia Frollano
Irene Pasquini
Eleonora Scoti
Gaia Brunetti
Valeria Rota
Iolanda Picciano
Veronica Caprino, avvocata
Cristina Seresini
Anna Rizza
Elisa Coco
Teresa Nannarone, avvocata
Marta Pirozzi
Marta Jedrzejek
Marta Bonafoni, Consigliera regione Lazio
Paola Frezza
Gaia Dolfi
Rosa Mordenti
Giraudo Caterina
Luana Petrella
Patrizia Coccato
Anna Vernarelli
Elisabetta Papini
Angela Sajeva
Matteo Marchello
Martina Formaini
Rita Rovella
Giorgio Basevi, tutore legale di Sonia Bracciale
Sara Lilli Consigliera Municipio I, Roma
Alfredo Simone, giornalista
Laura Storti
Marina Toschi
Celeste Nicoletti
Elisa Giomi
Irene Ghirotto
Loredana Damian
Mariacira Battaglia
Rita Maglietta
Stefania Fiocchi, psicologa, psicoterapeuta
Marianna Tascone
Donatella Allegro
Chiara Giuliani
Linda Giannini
Luisa Magnarelli
Franca Silvani Consigliera Comunale (Marino, RM)
Martina Riccio
Margherita Calenda
Valeria Valente, senatrice e Presidente Commissione parlamentare di inchiesta su femminicidio
Paola Zambardi
Roberto Papa
Maristella Roberto
Raffaella Gianferri
Marika Maroli
Fiorella Mammarella
Maria Chiaramonte
Rita Vaiasicca
Firme in aggiornamento

I commenti sono chiusi.

WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: