Un Corso di Sartoria per sole Donne

This photograph shows a participant at a tailoring course in Rome. The initiative aims to bring women asylum seekers and immigrants from around the world to form friendships, make them independent and discover integration possibilities in the Italian capital.

The course is being conducted by the NGO CIDIS NGO together with the Waldensian Church and the women’s group, Lucha y Siesta.

The program’s main aim is not to find work for the women, the head of the Lazio region branch of CIDIS, Pamela Aquilani, said. Instead, ”it aims to bring to light a new part of the city.’

Thirty-hour course for exchange and independence

The 30-hour course is being held throughout the month of March and 11 women are taking part. ”The girls learn to make bags and pillows and mend clothing, but above all they have the chance to discover the existence of the women’s organization Lucha y Siesta. If they are interested in continuing in this direction, they have a reference point with people willing to listen,” Aquilani said.

”We feel it is important to open doors for all women. In a class with different nationalities, the girls can get to know each other and be encouraged to learn the language,” she added. The participants also include women who are waiting for a response from local officials about whether they will be granted protection.

The course is part of a broader project entitled “Shamima Va in Città” [Italian for Shamima goes to town] by CIDIS and the Waldensian Church, which, according to Aquilani,”aims to help the women discover Rome.” The project focuses especially on the Bangladeshi, Pakistani and Indian communities in Rome, but the initiatives are open to all women “at the risk of social marginalization.” Among the activities is an Italian language course in the Centocelle area of Rome that 30 women took part in and that will continue until May. “In addition to the course, we hold meetings to discuss women’s reproductive health, healthcare, their rights and work,” Aquilani said.

 

*L’articolo è tratto da: http://en.infomigrants.net/post/158776873095/picture-of-the-day-14

Annunci

Lucha y Siesta alla Biblioteca Penazzato

martedì
28
marzo

L’esperienza della Casa delle Donne Lucha y Siesta

28 marzo 2017 ore 17.30
Biblioteca Penazzato

Proiezione documentario e dibattito

Proiezione del documentario realizzato da Pino Bertucci e dibattito con le donne di Lucha y Siesta.

La Casa delle Donne Lucha y Siesta nasce nel 2008  dal  recupero  e dalla valorizzazione di una palazzina degli anni ’20 di proprietà dell’Atac nella zona di Cinecittà.

Negli anni questo luogo abbandonato si è trasformato in uno spazio materiale e simbolico di autodeterminazione delle donne.

Un progetto di accoglienza abitativa e sociale al femminile che  fornisce informazione, orientamento, ascolto e accoglienza alle donne

che ne hanno necessità.

In questi anni tantissime donne con le loro esperienze di vita hanno attraversato la casa e l’hanno plasmata,

rendendola un luogo che contribuisce a rimettere in moto le intelligenze femminili calpestate,

a ridare loro forza e valore oltre che restituire alla cittadinanza un pezzo importante del patrimonio pubblico.

 

Ingresso libero

http://www.bibliotu.it/news

08.04.17 Percorsi di autostima. Seminario di formazione

lab esp

Un corso esperienziale per incrementare l’Autoefficacia e raggiungere i propri obiettivi attraverso l’auto consapevolezza, e per individuare e potenziare le proprie risorse personali e di rete. Verrà illustrato la differenza tra autostima (valore di se incondizionato), e auto efficacia (valutazione delle nostre azioni), differenza tra la nostra essenza e le nostre azioni e capacità, cioè la fiducia in ciò che sappiamo fare e come accedere alla zona di potere per raggiungere i nostri obiettivi.
Cosa Imparerai:
– come diventare consapevole dei tuoi pensieri e capire come essi influiscano sui tuoi stati emotivi e sui tuoi comportamenti
– gli 8 principi per creare affermazioni potenzianti
– come sviluppare amore e rispetto per te stesso/a
– il potere della gratitudine
– la forza delle visualizzazioni
– le 5 chiavi per cambiare la tua vita.

Modalità di svolgimento
16:30/17:00 benvenuto
17:00/19:30 seminario a cura di Ada Maria Ammirata
19,30/21:00 aperitivo a cura della casa delle donne Lucha y Siesta

L’insegante: Ada Maria Ammirata è insegnante e coach certificata del metodo Louise Hay “Heal Your Life”. Laureata in scienze della formazione, attualmente sta anche studiando per conseguire la certificazione di Naturopata.Grande appassionata di sport e benessere.https://www.facebook.com/adaammiratacoach/?fref=ts

Modalità di partecipazione: saranno raccolte le adesioni sino ad un massimo di 15 e il contributo consigliato è di 20 euro con aperitivo conclusivo. Per info e prenotazioni scrivere a segreterialys@gmail.com, inserendo come oggetto: 8 aprile

L’iniziativa sostiene il progetto Achilles international – atleti con disabilità visiva – e la Casa delle donne Lucha y Siesta.
https://www.achillesinternational.org/

01.04.17 “TU LUCHA ES MI LUCHA”. Voci di donne dall’America Latina

Tu lucha es mi lucha01-04

:::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::
TU LUCHA ES MI LUCHA
voci di donne dall’ America Latina
testimonianze- reading-musica-cena tipica
::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::
ARGENTINA: dalle Madri di Plaza de Mayo a Ni una Menos

Nel giugno 2015 la voce delle donne argentine si è unita in unico e potente grido che si è propagato nelle piazze dell’intero paese
“Ni una mujer menos, ni una muerta mas”
Nessuna donna deve essere più vittima di femminicidio, la violenza maschile deve terminare.
Ancora una volta sono le donne a scuotere l’Argentina di fronte alla violenza fisica, economica, psicologica che si è fatta sempre più pressante nei loro confronti.
Una lotta che affonda le radici lontano, nelle instancabili Madri di Plazo de Mayo e che allo stesso tempo se ne differenzia e si estende anche al di fuori del paese sino ad esplodere con lo sciopero globale delle donne dello scorso 8 marzo.

Ci porta la sua testimonianza di donna, di argentina e di attivista Isa Rosa, insieme a lei, ad ampliare lo sguardo e arricchiere il confronto, l’ antropologa Giada Gentile e la poetessa Dale Zaccaria.

Una serata di approfondimento, ma anche di musica e poesia per conoscere più da vicino la realtà argentina e parlare delle donne di ieri e di oggi che lottano.
:::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::
PROGRAMMA
:::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::
ore 19.00
– incontro con Isa Rosa attivista femminista e cantautrice argentina
intervengono: l’antropologa culturale Giada Gentile e
la poetessa Dale Zaccaria.
ore 20.00
– “En el nombre de la mujer” reading di Dale Zaccaria

a seguire:
– concerto della cantautrice argentina Isa Rosa
– Incursioni di Tango Queer a cura di Tango Fem-Arti Sociali

ore 21.00
– cena tipica argentina a cura della Casa delle Donne Lucha y Siesta