Atlantide si tocca, ma solo per godere!

copy-cropped-pride2014Oggi scade l’ultimatum per lo sgombero di Atlantide spazio queer e transfemminista di Bologna, occupato dal 1997!

Sulle pagine del blog di Atlantide
ci sono la storia di questi ultimi anni in balia della follia amministrativa ed istituzionale bolognese, frutto di una politica inetta e cieca che si da solo nei casi di interessi particolari e di processi speculativi.

Ma state attenti perchè Atlantide non è sola!!
Solidarietà ad Atlantide dalle compagne della casa delle donne di Lucha y Siesta.

Atlantide si tocca, ma solo per godere!!

Di seguito il comunicato di Atlantide:

Chi ci vuole affondare, ci farà debordare

Il sonno della politica genera sgomberi

E’ ormai evidente che il governo di Bologna è stato commissariato dalla Procura. L’avviso di sgombero con ultimatum a 5 giorni affisso con lo scotch sulla porta di Atlantide giovedì 1 ottobre si inserisce perfettamente in questo inquietante quadro, che va dall’indagine per il riallaccio dell’acqua alle occupazioni abitative alla pioggia di sproporzionate misure cautelari preventive ai danni di tante attiviste e attivisti.

Ieri mattina, venerdì, abbiamo interrotto il Consiglio Comunale per reclamare una risposta politica dal sindaco che ha firmato quell’avviso. A mezzo stampa, Merola ci ha candidamente risposto: “Qui di politico non c’è più niente. Io sono il sindaco e non posso inseguire i sogni, adesso devo sgomberare”.

I nostri (bi)sogni sono evidentemente molto diversi da quelli di chi pratica il pinkwashing sulle unioni civili e poi sgombera le froce che praticano l’autogestione. Di chi parla di accoglienza mentre manganella i rifugiati che non stanno all’interno dei suoi programmi di “integrazione”. Di chi concede agibilità a soggetti omofobi, sessisti e razzisti negli spazi pubblici (No194, Sentinelle, Salvini &co), avvallando l’accanimento delle destre contro donne, gay, lesbiche, trans e persone che cercano di attraversare i confini. Non esistono “ruspe democratiche”.

Noi infatti sappiamo che la “legalità”, ormai unica parola d’ordine da destra a sinistra, è solo la continuazione della politica con altri mezzi: è un modo per nascondere scopi politici reazionari dietro all’astratta e fittizia neutralità della legge e mettere al bando tutte le forme di vita che non si adeguano ai processi di assimilazione neoliberale.

A Bologna, laboratorio storico della sussidiarietà, il PD costringe da tempo ogni forma di iniziativa sociale a diventare o una start up o un servizio fondato sul lavoro gratuito. Prospettive che Atlantide ha sempre rifiutato. La nostra mobilitazione ha provato a smontare la logica dei bandi, conducendo l’amministrazione a sottoscrivere un documento formale in cui si riconosceva Atlantide in quanto realtà autogestita. Era proprio su queste basi che un anno fa si apriva un percorso di confronto con il settore Cultura, perché abbiamo intravisto la possibilità di un’innovazione nel rapporto tra esperienze sociali autogestite e istituzioni.

Ora questa strada è stata brutalmente interrotta. Volenti o nolenti, il sindaco e la giunta si dovranno assumere la responsabilità della violenta chiusura di uno spazio storico di froce, lesbiche, trans e femministe. Non sarà affatto una campagna elettorale tranquilla.

Siamo sicure, del resto, che gli sbandierati servizi sociali di quartiere che dovrebbero urgentemente insediarsi al posto di Atlantide avranno lo stesso destino del centro anziani e dell’asilo nell’ex convento di Santa Marta o delle aule studio negli spazi di Bartleby in San Petronio Vecchio, per citare solo alcuni recenti esempi: l’inesistenza. Dopo il nostro sgombero, il Cassero di Porta Santo Stefano resterà vuoto per anni, o per sempre, come è accaduto a tutti gli spazi occupati sgomberati in questa città.

Ma se vogliono Atlantide “libero da cose e persone”, la troveranno piena di cose e persone libere. Orde di checche furibonde, di femministe perverse, di lesbiche guerriere, di trans* indisciplinat* e di punks senza etichette deborderanno in ogni quartiere.

Atlantide resta. Atlantide è ovunque.

Invitiamo tuttu a partecipare ai prossimi appuntamenti:

questa sera, sabato 3 ottobre, dalle ore 22, concerti @ Atllantide, piazza di Porta Santo Stefano 6;

domenica 4 ottobre, “L’ultima volta non arriva mai! Fest”, dalle ore 17.00 alle 21 @ Atlantide, piazza di Porta Santo Stefano 6;

lunedì 5 ottobre, assemblea cittadina, alle 20.30 in un luogo in centro che comunicheremo al più presto.

http://atlantideresiste.noblogs.org/post/2015/10/03/chi-ci-vuole-affondare-ci-fara-debordare/