#IODECIDO: RIAPRIAMO IL REPARTINO DEL POLICLINICO!

Il 25 novembre 2014 abbiamo rivendicato l’applicazione e il rispetto della legge 194 in seguito alla sospensione del servizio di IVG al Repartino del Policlinico Umberto I, dopo il pensionamento dell’unico medico non obiettore in tutto il reparto.

Abbiamo ottenuto la pubblicazione di un bando per l’assunzione di due medici non obiettori che garantissero la ripresa e la continuità del servizio. Ad oggi è stato giudicato idoneo un solo medico su dieci, attualmente già attivo, che sarà assunto con contratto co.co.co.

Richiediamo con urgenza la seconda assunzione e che siano garantite la continuità del servizio e di tutte le attività relative alla salute e all’autodeterminazione delle donne: dal reparto Ivg alla sala parto, dalle sale operatorie ai reparti di degenza, per rispondere nel modo più adeguato all’esigenza di prevenzione, cura e riabilitazione in questo settore fondamentale della sanità pubblica.

Continueremo a monitorare la situazione nel Policlinico Umberto I e negli altri ospedali pubblici di Roma, affinchè la libertà di scelta e la tutela della salute riproduttiva della donna vengano garantite nel migliore dei modi e non si corra il rischio che vengano messe in discussione.

La 194 non si tocca! Continueremo a difenderla e a opporci al sabotaggio degli obiettori di coscienza e ai tagli ai servizi e alla salute.

La battaglia per la salute e la libertà di scelta è anche una battaglia culturale che vuole riaffermare la centralità della volontà della donna, che non può essere sottomessa a quella dei medici né a quella di leggi e pronunciamenti che limitano la nostra libertà. Accogliamo con indignazione la decisione del consiglio di Stato sul decreto della regione Lazio mirato a ridefinire i limiti dell’esercizio dell’obiezione nei consultori familiari.

Riteniamo inaccettabile che non applichino contromisure adeguate a garantire l’accesso all’IVG su tutto il territorio nazionale e a sanzionare abusi come il rifiuto di prescrizione della contraccezione d’emergenza.

A questo proposito il 9 marzo il Parlamento Europeo voterà per l’approvazione della risoluzione Tarabella (già votata dalla Commissione sui diritti delle donne) che vuole ribadire la libertà di aborto e l’accesso alla contraccezione per le donne.

Nel 2013, ricordiamo che i deputati del PD concorsero alla mancata approvazione dell’analoga risoluzione proposta dall’eurodeputata socialista Estrela, che invitava tutti gli Stati membri a garantire l’aborto e i diritti sessuali e riproduttivi delle donne.

Siamo davvero curiose di sapere come i rappresentanti del partito governativo italiano si esprimeranno stavolta… Di sicuro noi non resteremo in silenzio!

Sul mio corpo decido io! It’s time to react!

Rete #iodecido

Cobas Sanità Università e Ricerca Policlinico