La vita siamo noi. Voi fatevene una! Nessuna marcia sui nostri corpi!

Il 4 Maggio Roma sarà di nuovo invasa dalla Marcia per la Vita: la sfilata “benpensante” che ogni anno, intorno alla ricorrenza dei referendum sul divorzio e sull’aborto, ribadisce l’avversione alla libertà di scelta in merito a sessualità e maternità.

Ci piacerebbe strizzare l’occhio all’inconfessato feticismo per il feto – fet(o)cismo? – di questi “buffi” figuri, se non si ostinassero ad utilizzarlo come maschera per nascondere il peggior sessismo e la peggiore omofobia. Siamo ben consapevoli che il Popolo per la vita rappresenta la punta dell’icerberg delle politiche che ambiscono a eleggere la famiglia come principale sistema di welfare e unica strada percorribile per sopravvivere alla crisi, quando spesso essa stessa si rivela luogo principale di violenza e sopraffazione.

Anno dopo anno, questi soggetti mettono enfaticamente in scena il tentativo di voler occupare e dominare i nostri corpi e la nostra sessualità, seguendo il tracciato di una più ampia politica di “educazione alla maternità”(?)rivendicata dalla Ministra della Sanità, dello svuotamento della legge 194 attraverso l’obiezione di coscienza, dello smantellamento del welfare – che ci respinge ovvero ci costringe a restare all’interno della famiglia – e delle politiche di austerità che costringono i nostri corpi e i nostri desideri dentro spazi di libertà sempre più ridotti.

Che l’eterosessualità e la maternità imposta (anche quando indesiderata), la famiglia, la coppia non siano l’unico orizzonte del possibile non sentiamo nemmeno il bisogno di ripeterlo: le nostre vite eccedenti lo dimostrano quotidianamente. Non ci stupiamo che a una strenua difesa della Vita con la V maiuscola non corrisponda un’altrettanta risoluta battaglia per le vite di tutte e tutti: sappiamo bene che le politiche di controllo dei corpi – di cui la Marcia per la vita rappresenta il volto folkloristico e improbabile – sono in realtà l’altra faccia della ristrutturazione mortifera del neoliberismo.

Loro difendono il feticcio della Vita, noi rivendichiamo le condizioni per viverla liberamente: vogliamo decidere sui nostri corpi e che il nostro benessere e la nostra salute siano garantiti, rivendichiamo un welfare che risponda ai nostri bisogni e desideri.
Siamo sces* in piazza l’8 Marzo con lo slogan ioDecido in tanti e tante per autodeterminare i nostri corpi e le nostre vite, e anche oggi di fronte a questa pagliacciata, che ritrova uniti fascismo e cattolicesimo, vogliamo ribadire a gran voce che non abbiamo nessuna intenzione di farci reprimere.

La vita siamo noi. Voi fatevene una!

Contro ogni Marcia sulla Vita #ioDecido!
Rete cittadina #ioDecido

 

 

10294332_515250001931295_5885038972542321464_n-1

MARCIANO PER LA VITA MA PORTANO LA MORTE #iodecio Via Tuscolana – Stazione Tuscolana – Roma

10251975_515249925264636_1314163053833924527_n

MARCIANO PER LA VITA MA PORTANO LA MORTE #iodecio Via Tuscolana – Stazione Tuscolana – Roma

10251975_515249925264636_1314163053833924527_n

MARCIANO PER LA VITA MA PORTANO LA MORTE #iodecio Via Tuscolana – Stazione Tuscolana – Roma

 

10308285_515249225264706_8365898586582584317_n

MA QUALE MARCIA? MA QUALE VITA? VOI SIETE MUFFA PER LA FICA – #iodecido Piramide – Piazzale Ostiense – Roma

10175964_515248895264739_8976122546418355167_n

MA QUALE MARCIA? MA QUALE VITA? VOI SIETE MUFFA Basilica San Paolo fuori le Mura – Roma

1948095_515244935265135_3539595087566116188_n

MA QUALE MARCIA? MA QUALE VITA? VOI SIETE MUFFA PER LA FICA – #iodecido Basilica San Paolo fuori le Mura – Roma

10247438_515253681930927_4833328023384444624_n

NESSUNA MARCIA SUI NOSTRI CORPI – #iodecido Santa Maria Immacolata – Roma

10154385_515254068597555_2173322337822456875_n

NESSUNA MARCIA SUI NOSTRI CORPI – #iodecido Piazza di Porta Maggiore/Via Prenestina – Roma