Tarzia: il diritto al dissenso

Foto Simona Granati
Legittimamente le donne del Municipio hanno deciso di contestare la promotrice di una legge, che rappresenta un vero e propprio manifesto politico contro la libertà e la tutela della donna. La Tarzia sta tentando di trasformare i consultori familiari da enti socio-sanitari per la cura e l’assistenza di donne, coppie e famiglie in organi di rafforzamento, ma soprattutto di controllo dell’etica familiare a 360°. E lo sta facendo sorda alla forte opposizione che si sta sviluppando in città e nella Regione.
L’iniziativa di ieri ne é la prova, visto che ancora una volta il PDL nella suo convegno non prevedeva un confronto sui consultori, ma un vero e proprio comizio della Tarzia.
E se la destra porta avanti riforme ingiuste, lesive dei diritti e non si cura del malcontento dei cittadini, poi non può stupirsi se avvengono queste contestazioni.
Ieri al Municipio X non c’è stata nessuna violenza. Si utilizza lo spauracchio della violenza per nascondere la mancanza di argomenti.
E’ stata la stessa Tarzia a ritenere che non ci fossero le condizioni per svolgere il suo intervento.Perché è disposta solo a fare comizi senza contraddittorio, mal sopportando, come tutta la destra, il confronto e anche le contestazioni che in democrazia sono possibili.
E non parli di violenza proprio la Tarzia che troppo spesso si presenta alle iniziative scortata dagli integralisti cattolici di Militia Cristhi, tutti uomini, pronti a sedare ogni contestazione.
E infine ci stupisce davvero l’intervento dei tanti esponenti del PDL.
In un momento in cui il partito del premier offre un’immagine denigratoria e svilente delle donne, facendo emergere un utilizzo del corpo femminile come se fosse merce di scambio, festini e denaro, ma soprattutto una considerazione delle donne che legittima nel paese un’immagine lesiva della dignità e della autonomia delle donne stesse, chiediamo al Pdl almeno la dignità del silenzio, di non venire a farci lezioni di buona morale e di etica della famiglia.
Lasciamo la parola alle migliaia di donne della società civile che attraverso una fatica e un impegno quotidiano, nel lavoro, in famiglia e nella società danno dignità e concretezza al concetto sempre attuale di emancipazione e parità.
Noi abbiamo un’altra idea dei diritti delle donne e la pratichiamo ogni giorno concretamente.

Andrea Alzetta Consigliere Comunale di Roma in Action
Cristiana Cortesi Consigliera X Municipio Roma  in action

Annunci