La legge Tarzia è violenza sulle donne! Giu’ le mani dai consultori!

La proposta di legge regionale di riforma dei consultori, presentata dalla consigliera Pdl Tarzia al consiglio regionale del Lazio, è un attacco alla libertà e alla salute delle donne e degli utenti che ne usufruiscono. E’ una proposta di legge fondamentalista che intende trasformare i consultori – conquistati con le lotte dalle donne – in centri di ispirazione antiabortista.

Ancora una volta si tenta di distruggere il Consultorio familiare e di tagliare un altro pezzo di servizio pubblico, privatizzandolo e aprendone la gestione a associazioni pro-life.

Ancora una volta, si attacca la legge 194 e la libertà di scelta delle donne attribuendo al feto personalità giuridica.Rischia quindi di cancellare definitivamente le finalità di questi servizi: la prevenzione, l’informazione e la tutela della salute nel rispetto della libertà di tutte le donne, in particolare quelle socialmente più fragili: giovani, precarie, migranti. La proposta di legge Tarzia nulla ha a che fare con i bisogni di donne, uomini, bambini e bambine, ma intenzionalmente vuole distruggere il patrimonio di conoscenza e di pratiche che i Consultori hanno prodotto in questi trenta e più anni di attività.

Le precarie, le studentesse, le migranti vogliono servizi pubblici diffusi, accessibili e sicuri, difendono la propria autodeterminazione e non accettano ricatti.

Invitiamo tutte le donne a partecipare alla seduta straordinaria del consiglio del III municipio sulla proposta Tarzia per chiedere alle istituzioni di sostenere con atti concreti la difesa dei consultori pubblici, la libertà di scelta e la salute delle donne.

MERCOLEDI 24 NOVEMBRE H 15
AULA CONSILIARE DEL MUNICIPIO III – VIA GOITO 35

Annunci